Scegliere la web agency: perché una valutazione errata potrebbe costarti molto, molto caro

 

 

Se anche tu hai avuto a che fare con programmatori, webmaster o smanettoni del web probabilmente sai già di cosa sto parlando. La categoria delle web agency non è sempre ben vista perché spesso sfrutta l’ignoranza informatica del cliente per intortarlo e sfilargli qualche soldo in più dal portafogli. Non voglio generalizzare con questo articolo, la maggior parte dei colleghi lavora eticamente e porta avanti progetti eccellenti con dedizione e un approccio win-win dove tutti ne guadagnano qualcosa, cliente in primis. Ma non sempre. Leggi cosa mi è capitato oggi.

Caposaldo: il lavoro dei professionisti va ben remunerato.
Vale per i consulenti finanziari, come per i programmatori informatici, i grafici, i tecnici sistemisti e così via. Esistono però dei confini che sono delimitati dal limite invalicabile dell’etica e del buon senso. Ci sono dei conflitti d’interesse che non dovrebbero far vacillare l’integrità della persona, ma di questo magari ne parleremo in un altro articolo.  Torniamo alla storia.

Mi scrive un consulente finanziario. È cliente da anni, ha spesso frequentato i miei seminari e per questo è diventato anche un buon amico. Mi chiede quanto può costare da noi installare un certificato SSL (Secure Sockets Layer) ovvero uno speciale protocollo di sicurezza {se non ce l’hai Google segnala il sito non sicuro e ti penalizza. Una cosa brutta}. “Niente”, rispondo io. Da noi l’installazione è automatica e il certificato è già incluso nel canone di €200 annuali, iva compresa. Il consulente non sa cosa rispondermi. Whatsapp mi dice che sta scrivendo, poi non più, forse cancella. Silenzio. Capisco.
Chiedo quanto gli fosse stato preventivato.
Mi manda questo documento:

 

preventivo web agency

È la quotazione ricevuta dall’azienda che ha creato il sito e che è stata ben retribuita per questo. 255€ di sviluppo non li metto in discussione, è il corrispettivo sacrosanto a chi sa fare il suo lavoro e lo fa al posto tuo, sartorialmente. Quelle che mi stupiscono sono le altre voci. 1.300€ + iva per due anni di certificato SSL. Dovete sapere che questi certificati si acquistano e si installano, non vengono creati dalla web agency. Considerando che il prezzo di acquisto si aggira intorno ai 60€ annui, ecco la mia riflessione:

€ 120 per due anni di SSL
€ 255 per l’installazione una tantum del certificato
Totale di € 375 per 24 mesi di servizio

Quei 1.175€ (+iva) in più, cosa sono?
Quale valore aggiunto hai prodotto?

Ci sono politiche commerciali differenti. Qualcuno lavora in maniera sartoriale offrendo qualità allo stato puro ed è giusto che si faccia pagare bene. Quella che applichiamo qui è una politica sin troppo sbilanciata in favore dei consulenti finanziari e talvolta ne patiamo gli effetti.

Il problema sono gli altri.
Quelli che si travestono da estrosi creativi e non si fanno remore a metter su il cartellino con un prezzo esorbitante convinti che:

  1. il cliente non capisce
  2. facciamo un tentativo, forse paga
  3. non cambierà web agency, farlo è una gran scocciatura
  4. infondo un prezzo alto è percepito come “alta qualità”
Caro consulente finanziario ricorda che qui, in questo mercato fatto di professionisti e pseudo-tali,  non c’è la Consob. Sei tu l’unico organo di controllo. La prossima volta che chiedi un preventivo all’amico di tuo cugino mettiti sotto vento e senti se c’è puzza di bruciato perché magari in quel momento hai la sensazione di concludere un affare, ma domani sarai costretto a sottostare, a stare – sotto, a qualcuno che aggiunge uno zero a un preventivo solo perché gode di una posizione di vantaggio.
E sei stato tu a farlo mettere sopra.Scegli bene l’agenzia con la quale vuoi lavorare, un errore potrebbe costarti parecchio.
Telefona, parla a voce con le persone che la compongono, incontrale.
E guarda ai numeri, quelli dimostrabili.
Solo le agenzie serie resistono anni sul mercato e prosperano in esso.

E diffida – soprattutto – da chi ti fa grandi promesse.

Si dice che il mercato è democratico e che ognuno applica i prezzi che vuole.

Io spero sempre nella democrazia.


 

Davide Di Berto

CEO PromoBulls
Formatore e Business Coach Professionista

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.